Carlo Rosa (Giovinazzo,1613 - Bitonto,1678) - Il culto universale dei Santi Medici - Iconografia e Venerazione dei santi Cosma e Damiano

Patroni di Alberobello
Patroni di Alberobello
Centro Studi Internazionali Pierre Julien
titolo del sito del comitato feste patronali di Alberobello
titolo del sito del comitato feste patronali di Alberobello
COMITATO FESTE PATRONALI ALBEROBELLO - SITO UFFICIALE
ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
Vai ai contenuti

Carlo Rosa (Giovinazzo,1613 - Bitonto,1678)

arlo Rosa, pittore bitontino, operò in Puglia nel XVII secolo predilegendo figure sacre. Lo "vediamo" anche a Napoli e a Roma. Alfonso Rosa si trasferisce dall'Aquila a Bitonto intorno al 1580 dove sposa Livia di Silvio Tirone. Ha parecchi figli tra cui Massenzio che sposa a Giovinazzo la nobile Giustina De Angelis. Ha cinque figli tra cui Carlo. Carlo Rosa, figlio secondogenito di mastro Massenzio Rosa, pittore, e di Giustina de Angelis, viene battezzato il 7 luglio 1613 nella chiesa parrocchiale di S. Felice di Giovinazzo [243]. Carlo Rosa muore in Bitonto, dove risiedeva, il 12 settembre 1678. Viene sepolto nella Chiesa del Crocifisso da lui stesso progettata. Si forma alla scuola napoletana di Massimo Stanzione dal 1636 al 1641. Apre una bottega propria a Bitonto, la "squola bitontina" e forma diversi artisti come Nicola Gliri, Nicola Algeri, Vitantonio De Filippis, Domenico Scura, Antonio Zanchi, Gaspar Hovich, Nicola Sforza, Francesco Naturale e Giovanni Calducci.

Tra i suoi lavori più importanti si ricordano la chiesa del Crocifisso di Bitonto, insieme alle tele e alle ricche decorazioni interne. Sempre nella sua Bitonto è venerata, nella Chiesa di S.Francesco di Paola. Sono attribuiti al pennello di Carlo Rosa anche la decorazione dei soffitti della Basilica di San Nicola di Bari e quelle della Cattedrale di Lecce. Si ricorda anche il dipinto La Battaglia di Clavidio, presente nella cattedrale di Monopoli. Molte sue tele sono presenti in molte chiese pugliesi. L'intera abside della Cattedrale di Giovinazzo, la tela del San Michele Arcangelo della Chiesa di SS Maria di Costantinopoli, la tela del martirio di san Lorenzo nella omonima chiesa, il san Francesco Saverio e il san Gaetano da Thiene della Chiesa di SS Maria del Carmine, sempre a Giovinazzo. Inoltre numerose tele di Carlo Rosa sono presenti nella Chiesa del Purgatorio a Modugno, nella Chiesa del Carmine e di San Gaetano a Bitonto. Ad Andria presso la chiesa di Santa Maria Vetere vi è una tela raffigurante San Francesco che riceve le Stimmate dal Bambino Gesù.

A Bitonto, Museo Diocesano troviamo una tela di Carlo Rosa raffigurante la Vergine e i Santi protettori di Bitonto commissionato qual ex voto nel 1656.





© Copyright www.santimedici.net 2014 -2018
Privacy Policy
Torna ai contenuti