Lino Piccoli (Montagnana,1926-Alberobello,2010) - I Santi Medici nell'Arte -Iconografia e Venerazione dei santi Cosma e Damiano

ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
Vai ai contenuti

Lino Piccoli (Montagnana,1926-Alberobello,2010)

Creato: Giovedì 12 Novembre 2015 13:32 | Ultima modifica: Sabato 26 Marzo 2016 11:51 | Pubblicato: Sabato 26 Marzo 2016 12:01 |  
L’attività artistica di Lino Piccoli inizia nel 1962 con una serie di esposizioni da Venezia a Roma, da Milano a Napoli, da Montagnana a Parigi, da Montreal (Canada) a Padova, da Verona a Siena, da Haifa (Israele) a Lagos (Nigeria), da Mosca a Città del Messico.  Nel 1972  approda  ad Alberobello. Rimane affascinato  dai  vividi colori pugliesi e  sconcertato  dal  degrado in cui versano i trulli.  Nel 1973 gli  viene  affidato  l’incarico  di realizzare un manifesto per avvicinare Alberobello a Venezia, afflitta  dallo  stesso  problema di salvaguardia  del  patrimonio storico-artistico. In occasione della mostra “Un patrimonio da salvare:  i  trulli  di  Alberobello” allestita nella Sala “S.  Basso” in Piazza San Marco a venezia con il patrocinio della Regione Puglia, del Comune di Alberobello, dell’Assessorato alle Belle Arti e dell’Azienda Autonoma
e Soggiorno e Turismo di Venezia, realizza una cartella di sei litografie con l’accostamento di frammenti e particolari delle due civiltà. Il saggio introduttivo è del prof. Guido Perocco, direttore del Museo d’Arte Moderna “Cà Pesaro” di Venezia. Nel 1997 realizza, per Alberobello sia per l’ingresso nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO sia per il 200° anniversario dell’affrancamento feudale della stessa Alberobello, due opere che racchiudono in sintesi le testimonianze degli avvenimenti tra leggenda e realtà.
Anche  Lino  Piccoli  si é cimentato nel raffigurare i Santi Medici, e lo ha fatto a par Suo con quello stile inconfondile che solo Lui era capace. La sua opera é stata fatta propria dal Comitato Feste Patronali ed é stata donata, a fine festa, a tutti i cavalieri.
Torna ai contenuti